AL VIA LA SPOLETO-NORCIA IN MTB, E’ RECORD DEI RECORD

698

FLASHSPORT (di Stefano Ghezzi) È un record questa quarta edizione della Spoleto Norcia in MTB che si terrà domenica 3 settembre a Spoleto. E’ il più grande evento cicloturistico del centro Italia, un percorso premiato come ciclovia più bella d’Italia e recentemente privilegiato con l’inserimento dal Touring Club Italiano tra i luoghi da non perdere dell’Umbria. L’ultima edizione, quella del 2016, è stata di per se un record con oltre 1.500 partecipanti, ma quest’anno si è superato il massimo di iscritti. Per questa edizione, ci sono circa 1800 partecipanti provenienti da tutta Italia. E’ stato un capolavoro di organizzazione!  

Per l’edizione 2017 ci sono molte novità. Al classico percorso cicloturistico (43 km, 1.000 mt dislivello) e quello family (14 km) che toccherà tratti del vecchio tracciato della ferrovia Spoleto Norcia si aggiunge per la prima volta la gara con il percorso extreme (63 km, 2.300 mt dislivello), un viaggio tra i borghi e i centri della Valnerina, che metterà a dura prova la preparazione degli atleti. Confermata anche la randonne (125 km, 2.500 mt dislivello) con un percorso a sua volta rinnovato rispetto allo scorso anno.

I partecipanti non saranno soli, ci saranno 150 volontari lungo il percorso. Inoltre molti gli eventi collaterali che fanno parte di un programma che è una vera e propria tre giorni dedicata alla bici. Oltre alle gare in programma domenica, venerdì 1 e sabato 2 settembre sempre in piazza Garibaldi sono previsti appuntamenti per i più piccoli, animazioni, momenti musicali e conviviali. Nulla è stato lasciato al caso.

Il più suggestivo tracciato è sicuramente quello che attraversa la Vecchia Ferrovia Spoleto-Norcia.  E’ stata un’opera favolosa che permetteva il collegamento tra le due cittadine grazie ad un progetto simile alle ferrovie alpine, nonostante il suo posizionamento nel cuore degli Appennini. Dopo anni di abbandono (la chiusura della ferrovia, inaugurata nel 1926, fu decretata nel 1968), l’idea è stata quella di recuperarne il tracciato per destinarlo a percorso ciclabile grazie ad una pendenza alla portata di tutti e alla meraviglia dei luoghi percorsi. L’obiettivo che si vuole raggiungere soprattutto quest’anno, è quello di dare dignità ad una zona seriamente colpita dal terremoto proprio un anno fa. Tutti dovrebbero apprezzare questi scenari che la natura e il tempo hanno creato, dando vita a percorsi che rigenerano l’anima e favoriscono lo spirito di collaborazione tra esseri umani.

1800 persone tutte con un pensiero, divertirsi e di urlare a gran voce che queste zone fanno parte del nostro patrimonio culturale e devono essere tutelate per farle conoscere alle future generazioni. Molti volti noti hanno pubblicizzato questo evento che ormai richiama l’attenzione di tutta la nostra nazione : Francesco Moser, Davide Cassani, Luca Panichi, Simone Montedoro e lo stesso sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi che il 28 aprile scorso, in occasione della consegna del XXV Premio Talegalli, da parte dell’Associazione Pro Loco Amici di Eggi, il comitato organizzatore de La SpoletoNorcia in MTB ha ricevuto un assegno di 7.500 euro da utilizzare per la ‘nostra’ Amatrice.

In occasione della presentazione di qualche giorno fa, il presidente del Comitato Organizzatore de La SpoletoNorcia… in MTB, Luca Ministrini, ha dato un assaggio di quello che ci si aspetta, Numeri che fanno da padrone : “I posti letto a Spoleto sono in via di esaurimento già da qualche giorno, merito anche della collaborazione con Umbria&Bike, che ci ha permesso di completare la rosa dei servizi offerta ai partecipanti ed alle famiglie al seguito; un movimento di persone che invaderà Spoleto e la Bassa Valnerina e che possiamo stimare molto prossimo alle 4000 unità”.

Si cerca di battere i record dei record : Una manifestazione del genere ha dei costi elevatissimi, ma riusciamo a farvi fronte grazie alla generosità degli sponsor ed al lavoro dei volontari sul campo, che hanno fatto di tutto per rendere indimenticabile questa SpoletoNorcia… in MTB, rendendo bello e sicuro il tracciato, grazie ad un’accorta opera di tracciatura e pulizia del percorso”.

Si è voluto mettere in evidenza l’aspetto tecnico-sportivo : “Quest’anno abbiamo dato libero sfogo alla nostra fantasia, creando uno spettro di scelte veramente ampio agli iscritti. I 1300 iscritti alla cicloturistica, ad esempio, avranno due possibilità: un percorso ‘soft’ di 41 km e 1000 m di dislivello ed uno ‘hard’ di 43 km e 1400 m di dislivello. E anche il percorso cronometrato ha avuto un riscontro molto importante, coi suoi oltre 200 iscritti: una tracciatura definita bellissima da chi l’ha provata in settimana e che potrebbe essere resa ancora più dura dal caldo che potrebbe tornare forte nei prossimi giorni”.

E le famiglie? “Non abbiamo avuto un riscontro molto esaltante per la pedalata più breve, ma contiamo sul fatto che abbiamo dato la possibilità di iscriversi in extremis, persino in piazza Garibaldi, nell’immediata vigilia della partenza”.

Non mancherà la solidarietà. “Abbiamo pensato ad un momento particolare: la Randonée della domenica, tracciata per permettere di toccare i nostri comuni più segnati dal terremoto, da Norcia a Cascia, fino a Preci. Questo significherà non solo stare vicini a quelle popolazioni, ma vedere ben impresso quello che potrebbe essere il futuro della Vecchia Ferrovia, una sorta di prologo di quello che sarà a percorso finalmente completato”. CAPOLAVORO, aggiungiamo noi!

Spazio anche ai più piccoli, con la SpoletoNorcia kids, un circuito cittadino con divertenti gincane, riservato ai bimbi dai 6 ai 12 anni e protetto dalle auto.

Il più suggestivo tracciato è sicuramente quello che attraversa la Vecchia Ferrovia Spoleto-Norcia.  E’ stata un’opera favolosa che permetteva il collegamento tra le due cittadine grazie ad un progetto simile alle ferrovie alpine, nonostante il suo posizionamento nel cuore degli Appennini. Dopo anni di abbandono (la chiusura della ferrovia, inaugurata nel 1926, fu decretata nel 1968), l’idea è stata quella di recuperarne il tracciato per destinarlo a percorso ciclabile grazie ad una pendenza alla portata di tutti e alla meraviglia dei luoghi percorsi. L’obiettivo che si vuole raggiungere soprattutto quest’anno, è quello di dare dignità ad una zona seriamente colpita dal terremoto proprio un anno fa. Tutti dovrebbero apprezzare questi scenari che la natura e il tempo hanno creato, dando vita a percorsi che rigenerano l’anima e favoriscono lo spirito di collaborazione tra esseri umani.

1800 persone tutte con un pensiero, divertirsi e di urlare a gran voce che queste zone fanno parte del nostro patrimonio culturale e devono essere tutelate per farle conoscere alle future generazioni.

La madrina di questa giornata di festa, sarà la bellissima e bravissima Barbara Pedrotti che sarà speaker ufficiale della manifestazione.

Siamo onorati di sponsorizzare questo evento. Non è solo per gli amanti della MTB, ma per chiunque ami la natura e i paesaggi artistici. Ci fa piacere che ci sono persone che dedicano il loro tempo e le loro energie per far amare la natura e posti cosi caratteristici. Vi auguriamo di continuare con questo Spirito e di superare ogni record nel proseguo delle edizioni.

 

 

SHARE