Alla Roma non basta l’orgoglio: la Juve passa all’Olimpico 2-1

219

foto di Claudio Pasquazi

Alla Juventus bastano le primissime battute di gioco per avere la meglio sulla Roma e riprendersi la vetta solitaria della classifica. Demiral e Ronaldo espugnano l’Olimpico 2-1, costringendo i giallorossi alla seconda sconfitta consecutiva. Non bastano l’orgoglio e il rigore di Perotti alla squadra di Fonseca: i bianconeri ringraziano anche l’Atalanta e scavalcano nuovamente l’Inter in testa.

Primi dieci minuti da sogno per la Juve, da incubo per la Roma. Dopo neanche tre giri di lancette Demiral trova la zampata vincente sulla punizione calciata da Dybala, che 6’ più tardi sradica la palla ad un disattento Veretout e si conquista il rigore del raddoppio ospite. A segnarlo, neanche a dirlo, è Cristiano Ronaldo. I giallorossi praticamente affondano subito, ma al 18’ avrebbero la grande chance per tornare a galla: Pellegrini calcia da due passi dopo una respinta corta di Szczesny, la fortuna però non assiste la squadra di Fonseca visto che Rabiot salva come può sulla linea. “Piove sul bagnato” in casa Roma quando Zaniolo è costretto al cambio in lacrime dopo una sgroppata delle sue e un contrasto con gli avversari, lasciando tutti con il fiato sospeso in attesa di conoscere l’entità dell’infortunio. A ridosso del riposo Ronaldo va vicino alla doppietta in contropiede, Pau Lopez è bravo a salvare. Nella ripresa i giallorossi caricano con l’orgoglio e al 65’ trovano l’episodio che riaccende le speranze: Alex Sandro tocca di mano in area, il Var aiuta Guida nell’assegnazione del rigore e Perotti trasforma con freddezza. Nel finale di gara annullato un gol ad Higuain per un fuorigioco millimetrico, mentre Kolarov sull’altro fronte spreca di testa una buona chance per il 2-2. La Roma ci prova fino all’ultimo ma non basta: la Juve vince e si prende 3 punti pesantissimi per il campionato.

SHARE